speakworlds – imparare le lingue – learn languages – apprendre les langues


VIA SKYPE

Free Trial 20 minutes.
fill out the form below

Essai gratuit 20 minutes.
remplir le formulaire ci-dessous

Prova gratuita 20 minuti.
riempire il formulario qui sotto

CONTACTS – INFORMATIONS – PRICES

speakeuropa@gmail.com

https://www.facebook.com/speakworlds1?ref_type=bookmark

 

Analisi del 2015


I folletti delle statistiche di WordPress.com hanno preparato un rapporto annuale 2015 per questo blog.

Ecco un estratto:

Un “cable car” di San Francisco contiene 60 passeggeri. Questo blog è stato visto circa 970 volte nel 2015. Se fosse un cable car, ci vorrebbero circa 16 viaggi per trasportare altrettante persone.

Clicca qui per vedere il rapporto completo.

Prendiamo cura del nostro cervello


Parlare più lingue fa bene al cervello
La conoscenza di due o più lingue aiuterebbe a ritardare declino cognitivo dovuto all’invecchiamento. E se non siete bilingue, niente paura: gli effetti protettivi sembrano validi anche se la seconda lingua la si impara da adulti.

Una ricerca dell’Università di Edimburgo.

(foto: Tetra Images/Corbis)
(foto: Tetra Images/Corbis)

Libero accesso alle informazioni, libero apprendimento?


Testi accademici disponibili gratuitamente online, progetti di integrazione dell’apprendimento realizzati con Wikipedia,  videogiochi in 3D per la mappatura delle connessioni cerebrali, ecco alcuni esempi di progetti per ampliare l’accesso gratuito alle fonti di informazioni nel mondo.

Con la diffusione delle nuove tecnologie è possibile mettere a disposizione di tutti strumenti che permettano di estendere l’apprendimento?libero apprendimento

Ci provano ora gli accademici di Cambridge con Open Book, un programma che è stato particolarmente apprezzato anche in Grecia in questo periodo di forte crisi economica.

In Egitto alcune università partecipano al programma Wikipedia con l’obiettivo di realizzarne un’edizione in lingua araba.

Infine negli USA  il MIT ha creato un videogioco, Eyewire, che sta stimolando nei giovani la passione per le neuroscienze.

La diffusione delle conoscenze sta aprendo le porte all’educazione nel mondo intero.

 

 

 

 

2016: Promozione – promotion – offer


Prenotate un pacchetto di 5 o 10 lezioni via Skype: riceverete un omaggio. Per partecipare, compilare la scheda che segue. Risponderemo a tutti.

Réservez un forfait de 5 ou 10 leçons via Skype: vous receverez un cadeau. Pour participer, remplissez le formulaire ci-dessous. Nous répondrons à tous.

Book 5 or 10 lessons  package via Skype: you will receive a gift. To participate, fill out the form below. We’ll respond to all.

 

Diventare direttore d’orchestra, un sogno?


Elim Chan è la prima donna a vincere il concorso per direttori di orchestra di Donatella Flick.

“Mentre guardavo i musicisti, e la musica si creava intorno a noi – racconta Elim Chan – era incredibile, era come se io non fossi io e loro non fossero loro, c’era solo la musica… e, quando li ho guardati negli occhi, tutto ha acquistato senso”.

“Quando sei sul podio – spiega – sei come una lente, una lastra trasparente. Ma non puoi brillare da solo, hai bisogno della luce che ti attraversi per brillare… e quella luce è la musica che viene dai musicisti, è la passione, anche! Che arriva al pubblico, e poi ritorna ai musicisti, e a me!”.

CONDUCTOR

Donatella Flick, mecenate del Ventunesimo secolo,discendente di una nobile casata osseta, ha creato negli anni Novanta un ormai prestigioso concorso che consente al vincitore di accumulare esperienza per dodici mesi a fianco di una grande formazione: la London Symphony Orchestra.

“È molto difficile trovare delle donne direttore d’orchestra – spiega Donatella Flick – È un mestiere che, non capisco perché, è sempre di più maschile… Cominciano, le donne, ma hanno un lungo percorso davanti per arrivare. Secondo me, è un mestiere dove ci vuole una grande forza, mentale e fisica, naturalmente il cuore, l’anima e il cervello insieme, ma serve anche una certa energia fisica.”

Il giorno dopo l’intervista, alla finale, grande sorpresa: un sogno e una prima assoluta si realizzano, con la vittoria di Elim Chan, 28 anni, nata a Hong Kong ma cittadina britannica.

 

I libri più belli del 2014 secondo gli scrittori del Guardian


GRUPPO/I DI LETTURA

Comincia la girandola delle liste dei libri più belli.
Sono particolarmente affezionato a quella compilata dal Guardian in base ai consigli di alcuni importanti scrittori (quasi tutti di lingua inglese).
È un lungo “consiglio di lettura” nel quale spesso si trovano preziose indicazioni che in Italia passano un po’ sotto silenzio,

Ecco una mia  prima selezione:

View original post 571 altre parole

I 100 libri “notevoli” del New York Times


GRUPPO/I DI LETTURA

Altra lista, questa è dei “notable books del New York Times per il 2014, che precede di qualche giorno quella dei libri più belli.
I “notable” sono interessanti perché in una selezione così ampia si possono trovare idee molto originali che in genere non finiscono nella shortlist dei migliori.

Qui ne cito solo alcuni. L’elenco completo sul sito del New York Times.

A BRIEF HISTORY OF SEVEN KILLINGS di Marlon James (Riverhead).
La storia attorno al tentato omicidio di Bob Marley nel 1976: politica, classe, razza e violenza in Giamaica.

View original post 201 altre parole